Rita Parodi Pizzorno

Rita Parodi Pizzorno
Rita Parodi Pizzorno
Vai ai contenuti
Rita Parodi Pizzorno
  

Pochi avvenimenti essenziali hanno lasciato una traccia profonda e sintetizzano la mia vita.
Sono nata a Genova da madre genovese e padre di Santa Margherita Ligure. Entrambi mi hanno trasmesso l’amore per la città amata e per la mia terra: in particolare le sue bellezze naturali suscitano in me una profonda emozione.
Durante l’infanzia sogno gli studi classici, invece, per necessità di famiglia devo frequentare le scuole commerciali, mi sarà più facile trovare un impiego.  
L’impiego, però, riesce a infondere al mio temperamento molti pregi e doti, come la precisione, l’applicazione costante per raggiungere uno scopo, lo studio per risolvere un problema, la costanza per realizzare una meta.
Il ricordo più espressivo della mia infanzia è il teatrino dei pupazzi.  
Esso mi dà la possibilità di spaziare ogni giorno nella fantasia con nuove storie da recitare, prestando la mia voce ai minuscoli interpreti.
Allora la mia immaginazione è fervida, compagna abituale del gioco preferito.  
Nel mio secondo libro di narrativa ‘Affresco d’epoca’ racconto di un’infanzia arricchita da una fuga dalla realtà nell’irreale, nel fantastico.                                 
Uno dei tanti esempi di questa fuga sono i famosi piccoli calendari donati dai parrucchieri di un tempo, con i racconti di miti, leggende e storie di donne celebri, di cui mi nutro con avidità.
Passano gli anni e, ormai ragazza, scopro la lettura accanita di libri di ogni argomento: dai romanzi, alla storia dell’arte, alle antiche civiltà, ai miti e alle leggende.
In questi anni scrivo un diario dei miei pensieri. La mia vita è molto semplice e non ci sono fatti clamorosi.
Smetto di tenere il diario con la fine dell’adolescenza.
I miei passatempi preferiti di quel tempo sono, oltre alla lettura, il ballo, i viaggi, il nuoto, praticato estate e inverno. Amo frequentare le mostre di pittura, il teatro, specie quello sperimentale che all’epoca si teneva nel piccolo teatro Mondadori.
Devo confessare, mio malgrado, di non aver mai pensato di dedicarmi alla scrittura in quell’epoca piena di nuove esperienze.
Nel tempo che scorre si avvicendano gli eventi importanti della mia vita: il matrimonio e i figli.
A 44 anni una grave malattia mi fa temere di non tornare più a casa.
Mi dico al mio ritorno in famiglia: “Forse ho qualcosa da raccontare, da fissare su un foglio perché non sia dimenticato”.  
In un primo momento l’impronta dello scrivere è appena abbozzata, ancora informe, incerta.  
L’esperienza tragica vissuta ha fatto nascere nel mio intimo luci e ombre, emozioni, lunghe riflessioni, pensieri sulla brevità della vita e la necessità di non sprecarla con impegni vani.
Nasce in me il desiderio di trasmettere agli altri le mie sensazioni e di fissare sulla carta il mio mondo interiore, come se potessi rendere tangibile una parte di me, per quella che sono e che ero.
Inizio allora a frequentare per diversi anni le conferenze dell’UNITE, il corso di ‘Scrittura creativa’ dell’UNITRE di Arenzano, le lezioni  della Facoltà di Lettere all’Università, le lezioni d’arte e di teatro di Lea Ansaldo.
Sempre silenziosa e riflessiva, mi rifugio spesso nel mondo del pensiero, quando il desiderio di isolarmi diventa più intenso, per seguire il corso delle mie riflessioni.
Mi accompagna da sempre una ricerca di solitudine per ritrovare l’immagine più vera di me, come uno scultore vuole sbozzare le idee che sente emergere dentro il suo spirito.
La poesia è stata la mia prima amante, il primo incontro spontaneo con l’arte; in seguito è venuto il narrare, spesso di vicende vissute o immaginarie che passano come ombre vive nella mia mente, frutto di una fantasia compagna sin dalla prima infanzia della mia vita.  

Novità

Poesie Rita Parodi Pizzorno
  
  POESIE

 ... Percepisco la Tua presenza,
       essa diventa introspettiva
       e l’esperienza assume
      un flusso primario
       d’intuizioni vitali
       nell’evoluzione umana.”                                        


La critica dalla postfazione di Roberto Trovato:   

.L’opera omnia poetica della Pizzorno è diventata negli anni imponente
e corposa. … vive il suo essere attraverso istanti, frammenti in cui   
macro e microcosmo si fondono in un’unità, che nel suo percorso non  
è mai esente da contraddizioni. …



Poesie Tutti i libri di poesie sono disponibili in un unico volume

Prime Poesie
Prime poesie

“… il pensiero è un fiume   
     che scivola lento
     dall’aula satura di sapere,
     dall’antico palazzo di cultura …”

 “… volare
      invisibile nella notte
      nel sonno delle ore                           
      quando l’uomo dorme
       e l’anima s’abbandona
       alla magia di una fata …”
        


La critica dalla prefazione di Luigi Surdich:
 
“… un atteggiamento di ansia e di pathos di fronte all’esistere e di fronte al
vissuto …”
 
“L’approdo alla poesia da parte di Mariarita Pizzorno si configura come una necessità …”

Recensione: link

Preludio notturno
  Preludio notturno
 
“… Assorta
   scandaglio il mio nulla
   l’abisso
   sconosciuto e nemico …”

“… vanno lontano
    nel tempo trascorso …
    le navi esplorano
    mondi scomparsi         
    tesori nascosti …
                           
 
 
La critica dalla prefazione di Paolo Ruffilli:

“… coniugare la riflessione e l’immagine, il ricordo e l’illuminazione, la logica
e la metafisica, attraverso un orfismo fatto scivolare al grado di elegia …”

“… è una poesia consegnata alla consapevolezza dell’incontro paradossale
Tra l’eterno e il tempo, tra l’infinito e il finito. …”

Recensione: link
Viaggio a Praga
  
Viaggio a Praga  

 “… nel giardino dell’Attesa
     colsi l’ansia         
     lo scorrere intenso dell’istante
     sotto il ponte del Tempo …”

“… scivola il pinato sulle offese
     come la pioggia sull’asfalto:
     essere e sparire
     in metamorfosi negativa
                           
 
La critica dalla prefazione di Alessandro Massobrio:
 
“… la poesia della P. disegna un itinerario fantastico - sul modello dei tour ottocenteschi di Byron e Listz – alla volta della città magica per eccellenza.
 
“ … In quanto poetessa - e la Pizzorno, come già detto, lo è nel senso più autentico – ella si limita a descrivere il proprio turbamento, a comunicarci  
sensazioni e stati d’animo che sono sue ma anche nostre, …”

Recensione: link
Guglie gotiche
  
Guglie gotiche

 
“… sarà solo un buco nero immaginario
      dove sogni in miscuglio
      sono ormai decomposti …”    

“… Vorrei sostare lungo
       le rive del Reno a
       spiare i racconti del vento
       al mormorio delle onde …””   
 
 
La critica dall’introduzione di Graziella Corsinovi:
 
“… spazi emozionali e meditativi, ma reinventandoli nel dettato poetico
come coagulo di un’interiorità continuamente protesa alla ricerca di se stessa …”
 
“… il quadro paesaggistico sembra animarsi panicamente di una vita sotterranea e segreta, nel gioco di efficaci cromatismi, di originali analogie,
di ardite sinestesie. …”
Imago poetae
Imago poetae II Viaggio intorno a me stessa
 
“… l’accarezza assorta
     in una calma gestuale …       
     solo un attimo, poi,
     inghiottita dall’ombre, scompare …”

“… Pensieri sparsi
    come foglie al vento     
    in una giornata d’autunno …
    pagine di un libro strappato
    dolenti come un lamento
    inutili come un rimpianto. …”

La critica dall’introduzione di Graziella Corsinovi:
 
“… riappare il profondo amore per la natura e per la realtà che (…)
trasformano l’apparente descrittivismo in una proiezione della
interiorità, nelle sue varie declinazioni: fantastiche, meditative
e memoriali …”

Recensione: link
Mondo intimo di poesia
  
Un mondo intimo di poesia

 
“…  una vasta incoscienza
     mi soffoca,
     ondeggiano le sensazioni
     senza prendere corpo e vita,                            
     fluidi primordiali dell’uomo
     smarrito nell’essere.”                              

“… Sono istanti fiabeschi vissuti
    e risorti dalla memoria
    distorti da una lente bugiarda. …”                     
 
La critica dall’introduzione di Roberto Trovato:
 
“… per la poetessa ligure l’armonia della vita è possibile reintegrando un
sentimento di responsabilità personale, anche a prezzo di uno scandaglio interiore.”…
 
“… la restituzione di un senso al controsenso in noi dell’esistenza che innerva
molte poesie della silloge. …”   

Recensione su: manualedimari.it   link

Narrativa  I libri sono disponibili anche su E-BOOK

Cronache dell'assurdo
  
Cronache dell’assurdo
                             
“… Rammento l’atmosfera rarefatta creatasi con i riverberi
    irreali del tramonto, mentre ero immersa in una strana turbata
   inquietudine, in un conflitto di opinioni …”

“… Ormai l’inconscio si apre dinanzi a noi con il suo                              
   abisso e noi restiamo attoniti di fronte al cono nero
   ove la risacca risucchia i nostri giovani esseri di tanti
   anni fa …”                          

 
La critica da una recensione di Liliana Martino Cusin:
 
“… ci conduce in una visione di una realtà “asltra”, posta al limite dell’irreale,
dove i personaggi paiono vivere fuori dal tempo … in un tempo di estraneità
onirica che sovrasta passato e futuro …”

Recensione: link
Affresco d'epoca
   
  
Affresco d’epoca

 “… porre fine all’infanzia dai lunghi tentacoli
     inquietanti, dai sogni fantastici di quell’età in
     nome del futuro …”   
                                                                      
 “… Lo spazio intorno a me si allarga a dismisura,
      diventa infinito, nel buio del Tempo io sono sola
      e vagabonda, in eteree meditazioni su labili frontiere
  … solo lascio scorrere la mano sul foglio in un bianco
      contatto amico …”.
 
 
La critica dalla prefazione di Giovanni Meriana:
 
“… il dissidio interiore e gli interrogativi esistenziali emergono con prepotenza    
… l’immagine si frantuma e si disperde in mille sfaccettature riflesse all’infinito …”

Recensione: link



Ritratti di donna
  
 Ritratti di donna:

“… L’Arte è l’amante sempre ricercato e inseguito, le
     corde tese di un violino dai suoni arcani, esperienza
     di magia nei cieli infiniti della fantasia, quando lo spirito
     vibra in riverberi eterni …”

“… Negli occhi ha ancora l’ebbrezza delle immagini
     sull’acqua, l’emozione dei riflessi, dei colori. Ama
     lasciarsi cullare dalle onde mentre la gondola scivola
     lenta lungo i canali al tramonto, quando la città si veste            
     d’oro e lo sciabordio delle acque le accarezza i pensieri.…”

 
La critica dalla prefazione di Clara Rubbi:
 
“… Le figure di donna … donne diverse per casato o per status sociale, ma tutte legate da un filo di infelicità, quasi che questa sia il retaggio della
condizione femminile …”

recensione su oubliettemagazine.com    link
Teatro delle ombre
  
Il teatro delle ombre
 
 “..Quel mondo fantastico giaceva inerme nella
   penombra, ormai spento, solo vaghe luci esterne
   scorrevano su di loro, simili a pensieri in movimento"                                                                                                                                                
“.. La sua figura con i capelli biondi raccolti si sfoca  
    nello scorrere dei giorni, si sfalda sullo sfondo di
    betulle, abeti e larici, sui pastelli delle albe e i rossi
    dei tramonti, …”
 
Critica dalla prefazione di Clara Rubbi:

“… il buio dà corpo alle sagome dell’inconscio, allo specchio deformante degli
incubi, ai presentimenti tanti più inquietanti, quanto più indecifrabili …”
 
“… luci e ombre fioriscono nella soffice atmosfera notturna, quando si liberano
Le immagini della fantasia e la sognante rievocazione di un tempo perduto. …”

Recensione: link
Memorie fluttuanti
  
Memorie fluttuanti – Ritratti del Novecento             
                                       
…”Ricordo che ho vissuto”: la voce fioca di un   
   giovane, appena un soffio, si diffonde nella
   camera immersa nel buio della notte.

… "Grigi nuvoloni sfiorano l’orizzonte, i flutti
    infuriano spumeggiando contro la scogliera, sul              
    mare … al largo una vela s’allontana con il
    carico dei nostri sogni.”
 
La critica dall’introduzione di Clara Rubbi:
 
“… Come l’onda indietreggia prima di rimbalzare sulla riva così l’autrice sospinge il lettore indietro nel tempo, ma non si sente lo sciabordare
dell’acqua, bensì il suono di un violino che intreccia le note dell’amicizia
e del rimpianto della gioventù perduta”.

Recensione: link
Acrobazie in punta di penna
  
Acrobazie in punta di penna
 
 “… L’attimo fuggente è rimasto racchiuso in un
     opale di cristallo tizianesco, quando dalla bocca
     sfuggono solo parole eterne …”

“… Rimane solo l’incontro … gli attimi di                                                          
     un’eternità vibrante, assaporata nel disincanto
     degli anni trascorsi.”

… " Sento il respiro affannoso di salsedine, che ci
    alita intorno per rendere irreale l’attimo fuggente
    e circuire i nostri esseri, fragili nella natura
    solenne che ci circonda.”                                         
 
La critica dall’introduzione di Clara Rubbi:

“… All’indagine psicologica s’intreccia il modo poetico con cui descrive
uomini, situazioni, ricordi.”

“… i rimpianti insieme con i sogni lasciano “laghi di inquietudine” nel cuore:
questa espressione, intensamente immaginifica, ci introduce nel procedimento
creativo di questi racconti.”
 
“… L’altro tema significativo è quello del mistero, che domina gran parte dei racconti, perché in sostanza è la cifra spirituale dell’autrice, che è attratta
Dagli enigmi del mito e della storia.”

recensione su:  sololibri.net  manualedimari.it   link

 
Sensazioni
Sensazioni:

"...Una malinconia affiora dalle profondità inconsce di un passato sconosciuto... Vorrei attraversare i mari, volare nei cieli dell'impossibile, essere come un angelo, essere solo pensiero"
"...Nel destino dell'uomo vi è, oltre al quotidiano, l'imprevedibile, che cambia il percorso di un'esistenza. Rimane solo il mistero su un futuro tutto da comporre, da realizzare..."

La critica dall’introduzione di Clara Rubbi :
"...Offre ancora una volta esempi della sua capacità di percepire il mistero, che vibra sotto la realtà concreta degli uomini e delle cose..."
"...Il tema della solitudine con le sue cadenze melanconiche si contrappone alla vivacità colorata..."
"...L'intreccio ambiguo tra la vita e un ritratto permette all'Autrice di creare quei giochi della memoria... nei quali s'immerge con voluttuoso piacere."

Recensione: link

Critica letteraria I libri sono disponibili anche su E-BOOK

Conversando con F.G.Lorca
   
Conversando con Federico Garcia Lorca:
Il tuo è tormento di poeta
in sublimi meditazioni,
rincorri ombre e illusioni
assorto nella tua anima.
Pena gitana oscura
silenziosa e sola,
desolata visione d'incendi,
premonitrice di un futuro
selvaggio di morte
in una guerra fratricida.

 

Introduzione: Pier Luigi Crovetto
"...Un andamento rapsodico. Mediante il quale, l'autrice si ascrive una duplice operazione. Una d'impianto critico, che consiste nella scelta fior da fiore dall'opera omnia di Federico Garcia Lorca delle pagine che l'hanno conquistata. E l'altra di natura più intima, che le permette di svelare... la propria sensibilità, rifratta nelle sue "forme" e "colori" ... Si tratta di chiose e di commenti in versi. Libere divagazioni....".    

Recensione: link

Rita Parodi Pizzorno

Torna ai contenuti